Socail icons

google-plus.png    facebook.png        twitter.png 

Esempio di contenuto in più

La maggior parte delle aromatiche non teme i parassiti animali, ma risulta sensibile alle malattie fungine, sia a livello radicale che fogliare. Tra le patologie più diffuse si ricorda la Sclerotinia sclerotiorum, che nella salvia e timo si manifesta con un ingiallimento delle foglie della porzione bassa della pianta, con forte disseccamento delle foglie (che non cadono però). Si tratta di una malattia fungina favorita da condizioni di elevata umidità dell’aria: le piantine sono ovviamente più sensibili se ricevono poca luce, se sono state trapiantate troppo fitte e se sono state concimate con molto azoto. Il consiglio è di eliminare le piante ammalate (prima che ne contagino altre) e di ricomprare la piantina. Altra pericolosa patologia è l’oidio, favorita da un clima caldo umido. Molto frequente sulle foglie di salvia, colpisce anche altre aromatiche. Si ricorda inoltre la Pseudo peronospora del basilico e del prezzemolo.

Place: 
What do you think ?